Fondazione Franceschetti e Di Cola

                                               

COMUNITA’ EDUCATIVA PER MINORI “CASA DOTT. DI COLA”

REALIZZAZIONE COMUNITA’ EDUCATIVA PER MINORI “CASA DOTT. DI COLA”

Descrizione generale del progetto.

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Franceschetti – Di Cola di Adria ha deliberato di farsi promotore della realizzazione di una comunità alloggio per minori sul territorio dell’ULSS 19 di Adria, al fine di rispondere in modo adeguato ad una richiesta insita nel territorio.

In base all’articolo 2 della legge del 4 maggio 1983, n. 184, recante «Disciplina dell’adozione e dell’affidamento dei minori» (modificata dalla L. 149/2001):  

“Il minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, nonostante gli interventi di sostegno e aiuto disposti ai sensi dell’articolo 1, è affidato ad una famiglia, preferibilmente con figli minori, o ad una persona singola, in grado di assicurargli il mantenimento, l’educazione, l’istruzione e le relazioni affettive di cui egli ha bisogno(comma 1). Ove non sia possibile l’affidamento nei termini di cui al comma 1, è consentito l’inserimento del minore in una comunità di tipo familiare o, in mancanza, in un istituto di assistenza pubblico o privato, che abbia sede preferibilmente nel luogo più vicino a quello in cui stabilmente risiede il nucleo familiare di provenienza (comma 2)”.

Attualmente nella Regione Veneto si è in una fase di passaggio per quanto concerne la normativa che disciplina queste tipologie di strutture; infatti pur continuando a riferirsi al R.R.n.8/84 per quanto concerne l’individuazione dei requisiti minimi necessari per la realizzazione di strutture tutelari, si è in attesa della pubblicazione dei nuovi standard ( così come previsti dal complemento di attuazione della L.R. 22/02) che apporteranno alcune modifiche a tali tipologie di strutture, iniziando dal nome che non sarà più comunità alloggio minori ma comunità educativa (DGR 2473/04).

In Italia tali tipologie di strutture sono gestite direttamente dagli enti pubblici (Provincia, Comune o Aziende Sanitarie locali) solo in pochi casi, mentre più frequentemente prevedono convenzioni tra enti pubblici e privato sociale (cooperative sociali, associazioni, fondazioni,ecc.). Negli ultimi anni la crisi dello stato sociale ha incrementato la gestione autonoma e privata di tali strutture, alle quali l’ente pubblico si limita ad erogare rette giornaliere per ciascun ospite (regolamentate nella nostra regione dal R.R. n.8/84).

Dopo un lungo percorso di preparazione e di impegno, anche economico, la “Fondazione Raimondo Franceschetti e Di Cola dott. Giovanni e famiglie”, è pronta a consegnare al territorio di Adria la comunità educativa per minori in difficoltà intitolata “CASA DOTT. DI COLA” ubicata in piazza XX Settembre n. 16, in aderenza alla propria Sede.

Tale importante traguardo è stato raggiunto anche grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo che ha voluto sostenere il progetto con un contributo di euro 250.000.

La “CASA DOTT. DI COLA” sarà a disposizione di tutti quei minori italiani e stranieri in stato di difficoltà presenti nel territorio del Basso Polesine essendo ora l’unica struttura residenziale esistente per questa tipologia di disagio sociale.